sabato 25 ottobre 2014

0 Autunno di zucche colorate
(UnPinOgniTot)

La cosa che mi piace di più dell'autunno?
Le ZUCCHE, indubbiamente!

Buone da mangiare, belle da guardare, allegre per decorare.

Ogni anno mi lascio tentare da quelle belle zucchette ornamentali.
Spesso, dopo un po', tocca buttarle, ma a volte mi riservano delle sorprese 
e riescono a seccare senza marcire. 
Certo, perdono il loro bel colore, 
magari in alcuni punti presentano delle macchie scure, 
ma buttarle sarebbe un vero peccato.


Così, quelle salvate dagli scorsi autunni, le ho tutte conservate in un sacchetto 
e pian pianino sto ridonando loro l'antico splendore... e anche di più!

La collezione Autunno2014 prevede... 
Total Colors!

Serviranno:
1 zucca essiccata;
(ma eventualmente anche fresca, ornamentale, può andar bene -correrete il rischio di buttarla- o, al limite si potrebbe provare con una di plastica)
carta vetrata fine e guanti protettivi (nel caso delle varianti, non sono indispensabili).

mercoledì 22 ottobre 2014

2 Portachiavi con le Hama Bead (o Pysla):
il Gatto Nero
{non solo Halloween}

A volte anche noi adulti abbiamo bisogno di giocare un po’ per distrarci e rilassarci.

Chi ha bambini, di sicuro conoscerà le "Hama Beads" 
piccole perline cilindriche di plastica, che infilate una accanto all’altra su un’apposita griglia, vengono poi leggermente fuse con il calore del ferro da stiro, per creare ciondoli o quant’altro
(in Italia, sono più conosciute come “Pysla” il nome che gli ha dato la famosa catena Ikea).
Potrete trovarle però, anche in piccoli kit, in alcuni negozi di giocattoli.

Sono davvero un ottimo momento di relax, 
da soli o come attività da fare in compagnia con i bambini 
(vi assicuro, non solo i piccoli, anche gli adolescenti apprezzano!).

Con queste particolari perline si possono realizzare deliziosi personaggi e, 
visto il periodo dell’anno, perché non ci creiamo il nostro gatto nero?
Allontanerà mostriciattoli e brutti pensieri e, 
se seguite le mie istruzioni, custodirà con grinta le nostre chiavi!

 
Ci serviranno:
n. 83 Hama Beads nere;
l’apposita griglia;
carta da forno;
ferro da stiro;
accendino ed ago da lana;
n. 3 cerchietti di metallo;
n. 1 gancio per portachiavi;
colla vinilica;
pasta per contorni bianca e nera (windows colors, colori per stoffa…) oppure, occhietti mobili;
n. 3 setole di scopa.

Tempo: 30 minuti
Costo: l’acquisto di perline e supporto se non le avete già in casa

domenica 19 ottobre 2014

6 La foto della domenica
Ottobre /3*2014

Chi mi segue anche su Instagram e Facebook, lo sa...
oggi sono stata in fiera ad Abilmente con la mia figliola e le amiche.

Qualcosa mi son dovuta portare a casa, come si fa a resistere?


Stoffine, bottoni di legno e fustella "di stagione"!
Sono stata brava, vero?
(Beh, in realtà, ho speso anche per la signorina grande, 
che si è munita di un po' di bigiotteria!).

Domenica di full immersion creativa, per noi.
A voi com'è andata?

Beta
"La mente che si apre ad una nuova idea 
non torna mai alla dimensione precedente."
(Albert Einstein) 


Domenica scorsa, hanno condiviso i loro ricordi:

* Monica Rita - La mia Stanzina *
* Annalisa - Gua-sta Blog *
* Sabrina - Carta e Cuci *

Grazie per il tempo prezioso che mi è stato dedicato a: Maira, Sandra, RobbyRoby e Marina (che mi ha pure citata in nomination!).

giovedì 16 ottobre 2014

4 Torta mora (o Torta di S.Biagio o Torta di pane)
{Ricette}

Noi la conosciamo come Torta di S.Biagio, 
da quando la ricetta ci è stata tramandata, 
da una cara amica di famiglia, quando ero una ragazzina.

Torta Mora o di Pane, probabilmente rende di più l'idea, 
dato che alla vista è molto scura (c'è il cacao) 
e l'ingrediente principale è il pane secco avanzato.


Eh sì, non sarà bellissima da vedere, ma è buonissima da mangiare, 
sia per gli ingredienti che si accompagnano alla base, 
sia perché in questo modo, in cucina, non buttiamo via niente (e di questi tempi direi che è ottimo!).

L'ho rifatta proprio in questi giorni dato che avevo una pagnotta 
che non era riuscita esattamente come volevo (buona per carità, ma leggermente "mattone").
Di buttarla non se ne parlava, per i canederli, non avevo sufficienti ingredienti;
invece per una torta... beh, per quella non mancano mai!



Ecco qui la ricetta, basterà che la copiate sul pc e la stampiate,
pronta per essere inserita nel vostro ricettario:



Sembra che questa torta "povera", prenda il nome dall'omonimo santo che, 
festeggiato sia dalla chiesa cattolica che da quella ortodossa, 
è il santo patrono di numerosi centri italiani (24 per la precisione).

E' il protettore della gola (inteso come malattie della gola, of course), 
ma forse da qui deriva il fatto che numerose preparazioni culinarie ne prendono il nome e, 
quasi tutte, a base di pane o con un lievitato simile al pane 
(a partire dal classico panettone, che a Milano, in passato non veniva mai mangiato tutto intero, 
ma una parte veniva conservata per la festa di S. Biagio e da lui prendeva il nome!).

A quanto pare, molte categorie l'hanno assurto a santo protettore, 
comprese le donzelle in cerca di marito 
(magari s'invocano a lui, quando tentano di prendere il prescelto per la gola?).


Soddisfatta la gola e la curiosità, spero che la nostra torta vi piaccia 
(e in tal caso, lasciatemene un segno) 
e raccontatemi un po' se S. Biagio da voi è conosciuto e in che modo
(non si era notato che son curiosa?).

Beta

domenica 12 ottobre 2014

14 La foto della domenica
Ottobre /2*2014

Domenica d'autunno, domenica pasticcera!



Qui al Podere, l'autunno fa venire di quelle voglie, ma che devo dirvi?
La mia figliola diventa sempre più brava 
e noi... godiamo, 
sulle note dolci di friabili tartellette alla ricotta e marmellata, 
minuscole-uscole-uscole cheesecake 
e uno shortbread che con il the delle cinque... mmhhhh non fatemici ripensare!


Purtroppo non posso farveli assaggiare, né potete sentire il profumino,
permettetemi allora di accarezzare almeno uno dei vostri sensi, con queste note.


"Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. 
Non importa dove si trova, com’é fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, 
io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. 
Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano. 

Anche le cucine incredibilmente sporche mi piacciono da morire". 

(Banana Yoshimoto da "Kitchen")



Beta

Hanno ripreso con me, l'avventura de "la foto della domenica":
*Annalisa - Gua-sta Blog *
*Sabrina - Carta e Cuci *

Grazie del tempo dedicatomi a: Loriana.

venerdì 10 ottobre 2014

1 Bracciali e orecchini fai da me
e... di tempo perduto

Ma ditemi un po' la verità, oggi è proprio venerdì?
Davvero davvero davvero?

Impossibile, solo l'altro ieri era lunedì,
chi si è fregato i giorni dal mio calendario?

Bon, mentre io cerco di raccapezzarmi a questo furto,
mentre vado alla ricerca del colpevole dello smarrimento,
intanto che verifico il corretto funzionamento degli orologi di casa
e frugo fra i calendari,


vi lascio le foto di alcuni monili realizzati durante l'estate.


Bracciale nero con strass (molto rock), 
orecchini romantici in vari colori (son disponibili i rosa, interessa?), 
bracciale con borchiette (tanta figura in poco tempo)...


e ancora,


1* Bracialetti Loom Band, realizzati dalle signorine di casa e amiche
(qui ancora agli albori. Ma mesi di specializzazione, meritano di essere ricompensati).
2* Bracciale in fetuccia (marina style) con charms portafortuna e fiori.
3* Bracciali fantasia in gomma crepla (questa è un'anticipazione, non posso parlare).
4* Bracciale elegante, modello "adulto", in gomma crepla.

Non mi dilungherò sulle spiegazioni, son talmente semplici che sono facilmente intuibili.

Però se volete, potrei raccontarvi come ho realizzato il n. 4, solo se volete ovviamente.
Che ne dite, vi può interessare?

Nel mentre ci pensate,
io continuo la mia caccia, 
però, lasciatemelo dire... non c'è più il tempo di una volta!

"Esiste un grande eppur quotidiano mistero. Tutti gli uomini ne partecipano ma pochissimi sit fermano a rifletterci. Quasi tutti si limitano a prenderlo come viene e non se ne meravigliano affatto. Questo mistero è il tempo. Esistono calendari ed orologi per misurarlo, misure di ben poco significato, perché tutti sappiamo che talvolta un'unica ora ci può sembrare un'eternità, ed un'altra invece passa in un attimo... dipende da quel che viviamo in quell'ora. Perché il tempo è vita.
E la vita dimora nel cuore."
(dal libro "Momo" di Michael Ende)

Beta

domenica 5 ottobre 2014

6 La foto della domenica
Ottobre /1*2014

Cerco i segni dell'autunno...


ascoltando melodiche canzoni!


"I pioppi di ottobre sono fiaccole che illuminano la via per l’inverno."
(Nova S. Bair)

Vi aspetto... con questa nuova ripresa
ma, vorrei ringraziare di cuore Sabrina, che mai ha smesso di portarla avanti. 
Se volete curiosare (e magari commentare) fra le sue domeniche, fate un salto qui!

Se invece vi siete imbattuti in questo post e non sapete cos'è "La foto della domenica",
non perdetevi la lettura del regolamento... e via, lanciatevi a fotografare e condividere con noi!

Serena domenica.
Beta

linkwithin

Related Posts with Thumbnails