.

.

cursori

In coppetta...
fra sabbia, mare e altre amenità!

I giorni passano veloci, 
sole e caldo finalmente (e chi si lamenta… peste lo colga!) 
si suda, ci si rinfresca... 



si mangia l’anguria (che con il freddo d’inizio giugno mica ci faceva voglia), 
il melone a pranzo e pure le pesche e le albicocche se ci va (tanto, economicamente parlando, se mangi frutta estiva o una bistecca spendi la stessa cosa… ma almeno con la frutta ti si rinfresca anche il cervello!), 
si gioca a carte, si dorme (più o meno) quando si vuole… 
si lascia la testa libera di vagare sognando ad occhi aperti o fra le pagine di un libro.



Ci sono cose però, che ciclicamente ritornano, che non vanno in ferie, che non ci lasciano in pace neanche nei momenti di relaxxxxx. 
Parlo per noi donne ovviamente... 
da quando i nostri ormoni partono in quarta, a quando decidono di andare in pensione, cascasse il mondo, una settimana al mese dobbiamo affrontare un ciclico ricorso, che, se a volte è seccante nel trantran quotidiano, figuriamoci in ferie.
Magari al mare, dove cerchi di nasconderlo in ogni modo, con parei, gonnelline, braghettine il tuo stato ma inevitabilmente richiami l’attenzione di tutti su di te…

Con i figli sotto ad una certa età poi, e magari (e soprattutto) maschi, che proprio non capiscono (neanche se gliel'hai spiegato mille volte, anche in aramaico) che tu in quei giorni non hai voglia/non puoi/non sei proprio in grado di lanciarti in spericolati tuffi, scii d’acqua, capriole acrobatiche...


Io, a dire il vero, ho risolto il “problema”. 
Mi ci è voluto un po’ di tempo per provare ed approvare, per superare le titubanze e i limiti mentali (che poi, non è mica così difficile da usare, basta solo essere convinte che è la giusta soluzione!), 
e adesso 
(soprattutto in questi giorni, perché era ovvio no che capitava in questi pochi giorni di vacanza) 
posso proprio dire: santa coppetta!



Eh si, da circa un anno la sto usando anch’io e mai come in questi giorni sono immensamente felice di farlo.
Da sola in campeggio con quattro ragazzi dai 10 ai 16 anni, ci sono cose che, come unico adulto, devi assolutamente fare (tipo accompagnarli in piscina o controllarli in spiaggia) e una certa libertà di movimento, diventa obbligatoria.
Invisibile, sicura, una volta in posizione non la senti e stai tranquilla…


In bagno (quelli del campeggio, che qui le vacanze si fanno simil-selvaggio), basta un minimo di organizzazione: copri water igienico, un po’ di carta e una bottiglia d’acqua. 
Pochi elementi indispensabili che ti permettono di lavarla, asciugarla, appoggiarla in tutta tranquillità e reinserirla senza problemi.
Nessuna irritazione da pannolo con il caldo umido di questi giorni e niente indumenti a strati o bardature da scalata dell’Everest con 50° sotto zero, nel tentativo di nascondere.


Peccato non averla scoperta prima, ma insomma, non è mai troppo tardi!

Alla fin fine, posso dire di essere una delle tante “in-coppettate” e… felice di esserlo!

E voi?
La usate, vorreste provarla, assolutamente contrarie (e in tal caso, perché)?

Curiosissima di conoscere i vostri pensieri a riguardo...

Beta


P.S.: La mia coppetta, l’avevo acquistata qui, grazie ai consigli e alla super-disponibilità di Ely Beth.
Poi da cosa è nata cosa e, fra noi, è nata anche una fantastica collaborazione: 

10 commenti:

  1. incoppettata e felicissima di esserlo ;)
    jack è bellissimo!!!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  2. ciao, non mi sono mai fatta mancare un bagno anche nei giorni "x" usando assorbenti interni. Che però vanno cambiati spesso e che uso solo per quando sono in spiaggia e/o in acqua.
    Sono molto incuriosita dalla coppetta, ma ho una perplessità: perche raccogliere quello che la natura vuole espellere? Mi chiedo dal punto di vista igienico se sia un bene trattenere all'interno qualche cosa che naturalmente scivolerebbe via. Non è così? Datemi ragguagli, che magari prossimamente potri diventare una coppetta-dipendente!
    www.giokaconleo.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. assolutamente d'accordo con te, l'ho comprata qualche anno fa e la trovo fantastica. Bisogna prenderci un po' confidenza e organizzarsi quando si è fuori casa ma per il resto regala una grande autonomia e praticità.

    Belle le tue creazioni :-)

    RispondiElimina
  4. @Le fate del feltro: ... grazie! :)

    @Kate cc: Anch'io prima di conoscere ed usare la coppetta usavo gli assorbenti interni nei momenti in cui serviva... ma sinceramente, con un ciclo molto abbondante facevano ben poco, mi sentivo a disagio e tra l'altro mi facevano venire la pelle d'oca al momento dell'inserimento. Inoltre sembra che non siano molto salutari.
    La coppetta raccoglie il flusso e poi viene svuotata, non mi sembra molto diverso da un'assorbente che cmq trattiene e s'impregna, non scivola cmq via, non lascia pulito, non è poi così "igenico" dal momento che anche al mare, se entri in acqua s'impregna anche di questa.... questa la mia opinione. Ma alla fin fine, io so solo che da quando la uso sto meglio, vivo meglio, sono più sicura e niente più preoccupazioni di tracce e "stasbordi"! ;)

    @La mia vita semplice: Grazie per l'apprezzamento e per la tua opinione, che com'è chiaro, condivido appieno! :)

    RispondiElimina
  5. Ciao! Ora riesco a commentare. Io uso la coppetta MoonCup da 3 anni ed è davvero stata una rivoluzione...fisiologica, pratica ed ecologica. Mi sono accorta che anche questo campo si sta evolvendo ed ho notato che a distanza di 3 anni ci sono coppette più morbide ed ergonomiche. La consiglio a tutte le donne!

    RispondiElimina
  6. ciao cara!io per la veritá vivo i giorni del ciclo esattamente come gli altri,se sono al mare assorbente interno e via,se sono a casa assorbenti lavabili.ma la coppetta mi incuriosisce molto perchè ho letto solo pareri positivi! mi dicono però che può dar fastidio se il ciclo è scarso, come nel mio caso... che dici?

    RispondiElimina
  7. Io vado di assorbenti interni quando devo lavorare, altrimenti esterni anallergici perchè sono da irritazione facile. La coppetta? Pensavo fosse quella gelato! :D Voglio informarmi circa il suo funzionamento.... in pratica la devi svuotare con le tue mani??? La cosa non mi sembra tanto pratica....

    RispondiElimina
  8. @ Valentina: Grazie mille per il tuo entusiasmo ed il tuo contributo... speriamo si convincano in tante! :)

    @ Anna: ... è senz'altro migliore secondo me dell'assorbente interno (come ho scritto sopra a Kate) e da' ancora meno problemi in caso di ciclo scarso. Proprio questo mese ho avuto un falso allarme e l'ho usata per due giorni, in pratica, per niente. Nessunissimo problema, anzi... pure adesso che sono agli sgocciolissimi è più pratica, anche più di un salvaslip! ;)

    @ Antonella: si, la devi togliere e svuotare con le tue mani... allo stesso modo di un assorbente interno o qualsiasi altro tipo. però questa la lavi (o in mancanza di acqua la pulisci con la carta) e la reinserisci. Pratica, sicura e alla fin fine economica oltre che molto molto più naturale... basta solo prenderci la mano e, ti assicuro che si fa in fretta! :)

    RispondiElimina
  9. anche io pensavo si parlasse della coppetta gelato.

    La mooncup mi ha sempre incuriosita, ma io francamente non mi ci ritrovo nemmeno con gli assorbenti interni. Mi irrigidisco molto. Non credo proprio che ce la farei.

    Quasi dimenticavo... ecco le mie foto di oggi ^^

    http://cartaecuci.blogspot.it/2013/06/la-foto-della-domenica-giugno4.html

    RispondiElimina
  10. Io l'ho acquistata on-line con un gruppo di amiche, è arrivata e devo andarla a ritirare in questi giorni :)
    per ho sentito solo cose positive, spero non mi deluda...

    RispondiElimina

Ti va di lasciarmi un allegro bisbiglio?
Ne sarò felicissima e ti risponderò il prima possibile.
E se sei stata bene, torna a trovarmi!

N.B.: Tutti possono commentare anche come anonimi (in tal caso, ricordate di firmarvi) ma le vostre parole, le potrete rileggere solo dopo la mia approvazione... non è mancanza di fiducia, ma difesa da spam! ;)

Grazie a tutti!

linkwithin

Related Posts with Thumbnails